Come si Diventa Geometri

Le attività principali del geometra sono la progettazione edile, sia civile sia rurale, e la conseguente direzione dei lavori di costruzione. I suoi compiti comprendono anche attività topografiche, come la misurazione dei terreni, ed estimative, ossia di valutazione economica di beni mobili e immobili.

In particolare, la normativa stabilisce, per il geometra, le seguenti mansioni
rilevamento e misurazione topografica, determinazione e verifica di confini, operazioni catastali e di estimo;
tracciamento delle strade poderali e consorziali e, in alcuni casi, anche delle strade ordinarie e dei canali di irrigazione e scolo;
misurazione e divisione di fondi rustici, aree urbane e costruzioni civili;
stima di aree e di fondi rustici (anche ai fini di mutui fondiari e di espropriazioni) e dei danni prodotti da calamità naturali, quali grandine e incendi, valutazione di danni colonici a vari tipi di coltura;
stima di aree urbane e costruzioni civili, anche ai fini di mutui fondiari ed espropriazioni;
stima dei danni prodotti da incendi;
stima di scorte morte, operazioni di consegna e riconsegna dei beni rurali e relativi bilanci e liquidazioni;
stima per costituzione ed eliminazione di servitù rurali;
stima delle acque irrigue nei rapporti dei fondi agrari serviti;
esecuzione di funzioni contabili e amministrative nelle piccole e medie aziende agrarie;
tutela di piccole e medie aziende agrarie e assistenza nei contratti agrari;
progettazione, direzione, sorveglianza e liquidazione di costruzioni rurali, di edifici per uso di industrie agricole e di piccole opere collegate ad aziende agrarie (strade vicinali, lavori di irrigazione e bonifica);
progettazione, direzione, vigilanza, contabilità e liquidazione di modeste costruzioni civili;
mansioni di perito comunale per le funzioni tecniche ordinarie nei Comuni con popolazione fino a diecimila abitanti, esclusi i progetti di opere pubbliche d’importanza e che implichino la risoluzione di rilevanti problemi tecnici.

Quindi le competenze del geometra sono molto ampie e talvolta possono sovrapporsi a quelle di altre figure professionali, come il perito agrario, l’agronomo, l’ingegnere, il perito edile e l’architetto.
Il geometra trova spesso impiego come dipendente dell’ufficio tecnico del comune, o come suo consulente esterno. Le sue capacità professionali lo rendono adatto anche a lavorare presso le agenzie immobiliari, gli istituti di credito, studi notarili e i tribunali.

Formazione
Per diventare geometra è necessario frequentare una scuola secondaria di secondo grado (ex scuola media superiore).
La riforma dell’istruzione prevede la possibilità di iscriversi a un Istituto tecnico – Settore Tecnologico – Indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio. Il percorso scolastico si articola in due bienni e un quinto anno finale, che termina con l’esame di Stato.

Dopo il diploma ci si può iscrivere a un corso di specializzazione presso una delle scuole edili coordinate dal Formedil – Ente Nazionale per la Formazione e l’Addestramento Professionale nell’Edilizia.
Queste scuole sono presenti in tutte le regioni italiane e propongono, fra gli altri, corsi rivolti a giovani in possesso del diploma da geometra, nell’ambito della bioedilizia, della certificazione energetica, del recupero e restauro. I corsi hanno una durata media di un anno, con frequenza obbligatoria, e sono gratuiti.
Per ulteriori informazioni, è possibile rivolgersi direttamente all’Ente, sul cui sito sono elencate tutte le scuole con i rispettivi corsi attivati.

Il percorso scolastico può proseguire a livello universitario con il conseguimento di una laurea di primo livello (triennale), appartenente alle seguenti classi
L7 – Ingegneria civile e ambientale;
L17 – Scienze dell’architettura;
L21 – Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale.

Per quanto riguarda la formazione universitaria, l’offerta formativa è piuttosto varia e le denominazioni dei corsi di laurea sono attribuite direttamente dalle università, per cui risulta difficile elencare tutti i corsi attivati dalle varie facoltà. È consigliabile, quindi, rivolgersi direttamente alle segreterie delle università per ottenere informazioni specifiche o visitare il sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca http://www.miur.it.

Accesso alla professione
Secondo le norme vigenti, per esercitare la professione è necessario sostenere l’esame di Stato e iscriversi all’Albo dei Geometri e dei Geometri laureati.
La legge prevede che all’esame siano ammessi i candidati che
dopo avere conseguito il diploma di geometra, abbiano svolto un periodo di praticantato di due anni presso lo studio di un geometra, un architetto o un ingegnere civile iscritti ai rispettivi Albi professionali da almeno cinque anni;
oppure
abbiano svolto per almeno cinque anni un’attività tecnica subordinata presso una società, un’impresa di costruzioni o un ente pubblico, e possiedano inoltre il diploma di geometra;
oppure
siano in possesso di una laurea triennale nelle tre classi sopra indicate (classi L7, L17 e L21), secondo quanto previsto dalla normativa in vigore, dal 2001. Il corso di studi svolto deve includere un tirocinio di sei mesi. In questo caso il titolo ottenuto è quello di geometra laureato.
Gli esami sono indetti ogni anno con ordinanza del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale.

Da gennaio 2010 è entrata in vigore la Formazione continua obbligatoria per i geometri e geometri laureati[7]: dal momento dell’iscrizione all’Albo, ciascun professionista è tenuto a conseguire un numero minimo di CFP (Crediti Formativi Professionali) per ogni quinquennio. I crediti vengono acquisiti con la partecipazione a seminari, corsi di formazione, attività formative di altro tipo (relazioni in convegni, pubblicazioni, docenze, superamento di esami universitari attinenti alla professione).
Le attività possono essere realizzate anche come FAD (Formazione A Distanza).
Molti corsi di formazione e aggiornamento sono organizzati dallo stesso Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati.

Come Verificare un’Auto di Seconda Mano Prima dell’Acquisto

Con questa guida voglio illustrarvi quali controlli dovete effettuare su un auto usata prima di acquistarla. Il controllo non è soltanto visivo ma va fatta un’analisi totale dell’auto stessa onde scoprire eventuali difetti presenti. Il tutto, magari con l’ausilio di un tecnico di fiducia.

Diffidate se il venditore vi nega una prova su strada: il classico giro di prova serve a verificare se il motore risulta troppo rumoroso, se l’auto non emette dallo scarico eccessivo fumo, se l’accensione avviene senza problemi, se l’auto tiene il minimo regolarmente senza oscillazioni di giri. Durante il giro su strada verificare che l’auto non tiri da un lato: ossia proceda in rettilineo senza “tirare” da una parte o dall’altra. Un paio di frenate decise, a velocità attorno a 80 km/h, permettono di valutare l’efficienza dell’impianto frenante: l’auto non deve sbandare né a destra nè a sinistra.

VANO MOTORE
Aprire il cofano motore e verificare lo stato del motore dell’auto. Il motore deve presentarsi senza tracce d’olio o di liquidi. Deve essere asciutto. Inoltre controllare l’interno dei parafanghi per verificare eventuali riverniciature successive ad incidenti. Controllate anche lo stato della batteria che non deve avere più di 4 anni.

CARROZZERIA
Posizionare l’auto sotto la luce del sole. Se l’auto è all’interno di un salone, la luce dei neon evidenzia ancor di più la presenza di eventuali graffi e/o imperfezioni. Verificate la presenza di ammaccature, interventi eseguiti male o difetti nella verniciatura. Non devono esserci segni di corrosione. Portiere e parafanghi sono i punti più soggetti a piccoli urti.

PNEUMATICI
Sostituire i pneumatici usurati rappresenta un costo aggiuntivo anche molto oneroso. Controllare che il battistrada non sia troppo usurato. Il consumo deve risultare uniforme su tutte le gomme: differenze possono indicare il cattivo funzionamento delle sospensioni o ammortizzatori scarichi. Con una moneta di 1euro verificate l’usura del battistrada. Se inserendo la moneta nelle fessure del pneumatico verificate che il battistrada copre solo la parte d’orata della moneta significa che i pneumatici sono da sostituire.

SUPERFICI VETRATE
Le superfici vetrate vanno controllate alla ricerca di eventuali rigature, crepe o incrinature anche minime e irrilevanti. Anche in questo caso, come nel caso di pneumatici, sostituire un parabrezza o un lunotto posteriore potrebbe farci affrontare un costo aggiuntivo spesso anche molto oneroso.

INTERNI
Il volante, il sedile di guida, i pedali, la pedana, il poggiapiedi, la maniglia di apertura della portiera lato guida e il pomello della leva del cambio si usurano col tempo. Un consumo evidente, specie del volante e del sedile di guida, dovrebbe insospettire nei casi in cui il chilometraggio dichiarato sia basso.

AGLIANDI
Un’auto tagliandata ha un valore maggiore. Dal libretto è possibile verificare i km e gli interventi effettuati (in pratica si conosce la storia dell’auto). Altrimenti bisogna pretendere una dichiarazione scritta dei km percorsi: in caso di alterazione si può chiedere, art. 1479 del Codice Civile, la risoluzione del contratto. Stessa cosa per il libretto di circolazione che ci mostra i nomi dei proprietari precedenti. Diffidate dell’auto se quest’ultima risulta essere stata in possesso di più di 3 proprietari.

Se effettuando tutti i test decidete di acquistare l’auto, chiedete espressamente al venditore che prima di consegnarvi l’auto vi effettui una manutenzione dell’auto stessa con conseguente sostituzione di filtri, lubrificanti, candele e liquidi di refrigeramento. Chiedete anche che vi sia fatta una ricarica dell’aria condizionata. Inoltre, è consigliabile stipulare una scrittura privata come questa in cui sono riportate tutte le informazioni.

Come Risparmiare sul Riscaldamento

Il riscaldamento domestico e la produzione di acqua calda rappresentano il 20% dei consumi energetici nazionali. Molte volte però bastano piccoli accorgimenti per ottenere un risparmio energetico notevole.

Certo, attere i denti dentro casa non è certo un bene ma neanche tenere temperature tropicali mentre fuori si va sotto zero. Un giusto compromesso tra salute, portafoglio e ambiente è di tenere durante il giorno la temperatura domestica tra i 19 e i 20 gradi mentre di notte la caldaia va spenta e programmata per la riaccensione due ore prima della sveglia.
Ricordiamo che un solo grado in più può far aumentare i consumi dell’8% .

Ecco alcuni accorgimenti per risparmiare sul riscaldamento ed ottenere il massimo rendimento.
Manutenzione della caldaia
Una caldaia in buone condizioni consuma decisamente di meno oltre a lavorare meglio. Oltre ai controlli obbligatori ogni due anni sarebbe meglio controllare la caldaia prima dell’inizio della stagione fredda. Inoltre se la caldaia è troppo vecchia potrebbe arrivare a consumare anche il 20% in più di una nuova di ultima generazione.

Termostato
Chi esce di casa la mattina e rientra alla sera per evitare sprechi dovrebbe regolare automaticamente dal termostato della caldaia gli orari di accensione. Le centraline possono essere programmate sia ogni giorno sia per l’intera settimana e consentono di definire con precisione i periodi di accensione evitando di lasciare la caldaia in funzione quando non serve.

Radiatori vicino alle finestre
Spesso nelle case i termosifoni sono posti vicino alle finestre con un notevole spreco di energia. Per favorire il risparmio energetico una soluzione potrebbe essere quella di posizionare del materiale isolante tra la parete ed il termosifone.

Non coprire i termosifoni
Spesso si pensa che i radiatori rovinino l’arredamento di casa e si tende a coprirli con tende o mobiletti. In realtà non vanno mai coperti perché l’aria deve poter circolare liberamente.

Valvole di sfiato
Per tenere i radiatori alla massima efficienza, l’aria va eliminata periodicamente attraverso la valvola di sfiato. Inoltre per una buona manutenzione della caldaia è consigliabile usare sistemi che impediscono la formazione di calcare nelle tubazioni.

Arieggiare le stanze con attenzione
Non si può certo rinunciare ad arieggiare le stanze ma va fatto nelle ore più calde della giornata e non per lungo tempo; bastano dieci minuti di finestre aperte per cambiare l’aria. Inoltre durante le ore notturne per mantenere il calore nelle stanze è consigliabile chiudere tapparelle e scuroni.

Temperatura dell’acqua
Chi ha una caldaia che fornisce anche l’acqua calda dei sanitari deve regolarla a una temperatura non superiore a 45 gradi.

Come Aprire Conto BancoPosta Più

Vuoi aprire un conto e non sai come o quale? Segui i successivi passi nei quali ti descriverò come fare ad aprire il conto BancoPosta Più. E’ un’opportunità che ti viene data da Poste Italiane ed offre, come principale vantaggio, l’azzeramento dei costi annuali.

Inoltre, con l’opzione rateale puoi anche trasferire liquidità dal fido della tua carta di credito direttamente sul tuo Conto BancoPosta e restituire l’importo comodamente a rate. Puoi anche disporre un bonifico bancario sul tuo conto corrente direttamente online accedendo all’Area Clienti Carta BancoPosta Più.

Per prima cosa prendi i documenti necessari ad aprire un conto, ossia quelli che permettono l’identificazione della persona che vuole usufruire del servizio. Recati all’Ufficio Postale della tua città. Se sei già titolare di un conto BancoPosta e vuoi solo passare al conto BancoPosta Più, basta solamente sottoscrivere un nuovo contratto.

Il nuovo contratto non ti obbligherà a cambiare il tuo numero di conto corrente ed i servizi accessori ad esso annessi. Infatti, questi ultimi verranno spostati dal vecchio al nuovo conto corrente automaticamente e senza costi aggiuntivi. Se invece non hai un conto BancoPosta, devi sottoscrivere il primo contratto.

Risulta essere simile a tutti quei contatti che servono ad aprire un conto corrente ed è semplice; il modulo ti verrà fornito dallo stesso Ufficio Postale. Dopo aver aperto il conto, puoi usufruire dell’azzeramento dei costi annuali, accreditando il tuo stipendio o la pensione sul conto. Un altro vantaggio di questo conto è dato dagli sconti BancoPosta nei negozi convenzionati. Gli sconti vanno dal 2% al 40% e sono calcolati sulle spese fatte. Essi ti verranno accreditati direttamente su Conto BancoPosta Più.

Investimenti in Oro e Rischi

Diversamente dagli altri prodotti finanziari, l’oro ha la particolarità di non comportare rischi legati al credito. Il valore dell’oro, infatti, è indipendente dalle capacità di finanziamento dei suoi investitori. Il valore dell’oro non può, inoltre, essere perturbato dalle politiche economiche internazionali e nazionali o subire le conseguenze di un’inflazione significativa. Forte di un’importante liquidità, il mercato dell’oro non rischia dunque di subire la “crisi”. Gli acquirenti, infatti, rimangono numerosi e di varia tipologia.

Tra essi si contano i trader, le istituzioni finanziarie, i gioiellieri e i fabbricanti di prodotti industriali. Altrettanti attori di questo mercato che trattano in permanenza i diversi prodotti dell’oro, dalla moneta al lingotto passando per le opzioni e i contratti a termine.

Ovviamente il mercato dell’oro non è esente da rischi e la storia l’ha del resto provato nel 1980 quando il prezzo dell’oro è improvvisamente crollato. Sebbene l’oro rimanga un valore molto attraente proprio per i pochi rischi che incontra sui mercati, alcuni avvenimenti possono contribuire a far diminuire il suo valore. Si pensi, per esempio, alla vendita di grandi volumi d’oro da parte delle banche centrali che potrebbero influenzare i valori dell’oro a breve o medio termine. D’altra parte i rischi legati alla salute economica di un paese e i periodi di crisi economica non sono di cattivo augurio per il metallo giallo, anzi è proprio il contrario, visto che l’oro diventa spesso un vero e proprio valore rifugio in questi casi specifici.

Per comprendere al meglio i rischi legati al mercato dell’oro, vi basta analizzarne la volatilità. Si sa che il valore dell’oro dimostra minor volatilità di quello di altri prodotti finanziari come per esempio gli attivi.

Grazie alla grande profondità e liquidità del mercato dell’oro, il rischio è quindi fortemente limitato. Gli stock d’oro, infatti, rimangono importanti per via della caratteristica indistruttibilità dell’oro. La richiesta, per quanto sia forte, può dunque trovare costantemente un’offerta corrispondente.